Esercizio di disegno 011

Disegnamo una composizione di oggetti

Impariamo a disegnare una composizione di oggetti

Composizione di Vincenzo Iacobelli

Siamo giunti al punto di dover disegnare una composizione di oggetti.
In questo caso una lattina di Cocacola e due palle da biliardo.
L'approccio non è molto diverso da quanto fatto fino ad ora.
Dobbiamo semplicemente trasformare questi oggetti in delle figure geometriche solide e poi in figure geometriche piane.
Quindi in un cilindro e due sfere disegnabili attraverso un rettangolo con due ovali e due cerchi.

Quadrati di Vincenzo Iacobelli
Quadrati di Vincenzo Iacobelli

Prima di far questo tracciamo una linea orizzontale che ci faccia da divisore tra il piano di appoggio e lo sfondo.
Usate la matita 1B, e disegnate con tratto molto leggero prima l'orizzonte poi un rettangolo con due ovali ed ancora due cerchi.
Prima di procedere al disegno è utile soffermarsi dove posizionare le figure e il rapporto che queste hanno tra loro.
Per far questo bisogna scegliere un oggetto del disegno che ci deve fare da guida. Scegliamo la palla numero 1, e la posizioniamo quasi al centro del disegno. Dobbiamo ora chiederci di quante palle è composta la lattina, se è più larga o meno larga della nostra palla e di quanto è alta rispetto sempre alla nostra unità di riferimento: la palla numero 1. Poi si passa alla palla numero 8 e paragonandola alla numero 1 se ne determina la grandezza e la posizione.

Questa elaborazione mentale dovrà diventare un processo spontaneo e dovrà sempre guidarci nei nostri disegni.
Con un pò di ombreggiatura è possibile sin da subito ottenere la terza dimensione, ma noi continueremo a fare il disegno fino a completarlo.

Quadrati di Vincenzo Iacobelli

Nel web siamo abituati a vedere disegni molto simili a fotografie, o comunque molto beli. In realtà molti di questi disegni, se non tutti, sono ottenuti attraverso tecniche che facilitano il disegno. Ad esempio la proiezione dell'immagine con appositi proiettori, la camera lucida, la trasparenza del vetro illuminato, le fotocopie ritoccate e tante altre strategie. Quindi non vi scoraggiate se i vostri disegni sono un po' più bruttini, sono disegni fatti a mano libera! e credetemi è realmente una rarità!
Ottenuto il disegno di base con un po' di esercizio è possibile riportare i dettagli di tutto il disegno. Se non ci riuscite sin da subito non importa.

Provate a dividere la lattina con una piccola griglia così vi sarà più facile disegnare la scritta. Stesso modo per i numeri delle palle da biliardo.

Non saltate le lezioni, fatele tutte e nel loro ordine, ben presto farete cose molto più complesse.
Disegnare figure geometriche piane serve a molto nell'arte del disegno artistico. Quando facciamo un disegno dobbiamo avere ben chiaro in che modo farlo. Il tratto che dobbiamo disegnare deve essere già presente nella nostra mente. Solo se conosciamo bene cosa fare possiamo farlo bene. Fare un quadrato, una figura così semplice, è un esercizio valido per imparare a rappresentare le cose con metodo.

Con la matita 1B disegnate il quadrato velocemente con tratti leggerissimi. Quando riuscite a vedere un quadrato decente, con la matita 4B lo calcate e lo rendete più visibile.

    Ricordate che:
  1. i tratti devono essere veloci;
  2. non bisogna aver paura di sbagliare;
  3. l'esercizio deve essere fatto così come io l'ho insegnato.

Segnate su di ogni foglio le vostre generalità, la data, il luogo e conservatelo, così potete nel tempo osservare i vostri miglioramenti.

Buon lavoro




PerE olio su tela
facebook instagram